Scammer ELISABETTA RICCI ELISA

ELISA
ELISABETTA
RICCI

User comments

to add a comment about this scammer profile. Already have an account? Sign in to add a comment.
Comment #131287
person never contacted and never seen:


Qualcosa mi dice che oggi è un «Buon-Giorno!» [+!!!] :-))

Ehilà …! Biri-birichino! Chissà se è davvero “meglio tardi che mai”, dopo tutto il tempo passato dal ricevimento del Tuo cortese messaggino! Avevo salvato il Tuo recapito e-mail (e pochi altri) al momento di cancellarmi dai vari siti web dedicati ai “contatti e incontri”, chiudendo per sempre anche la corrispondente casella e-mail collegata. Benché “a scoppio ritardato”, grazie mille per la Tua gentile iniziativa di avermi prescelta tra le tante altre donzellette in lista. Affinità elettive? Chissà! … Vediamo come evolve la nostra sintonia! … Per mia natura io sono “idealista”, nonostante talune avversità ormai distanti nel tempo che, ahimè, il destino mi aveva già assegnato! … Adesso, però, voglio guardare solo avanti! Senza fretta e senza affanni.

Dopo alcune conoscenze di persone e vicissitudini – a dir poco rocambolesche – che mi avevano temporaneamente allontanata dal mondo virtuale dell’Internet, eccomi a scrivere con ritrovata serenità! … Eh già! Finalmente di nuovo leggiadra, viva, e vegeta! … Salu-saaa! … ahahah!!! Ed eccola qui la mia “tiepida” manina: – Ciao-ciao, io sono Elisabetta. Come va? :-)

----------

Voglio fare subito una premessa. [(» IMPORTANTE «)] Non ti conosco affatto, e solo per questa prima volta, ottimista, ti sto scrivendo “al buio”. Se mi contatterai ancora, voglio credere che Tu stia ricercando davvero incontri veri, non virtuali e perditempo. Sappi che quantunque Tu fossi un coniugato infelice, in cerca di una diversa situazione, io non ti bacchetterei. Basterebbe dirlo con franchezza, senza inutili sotterfugi. Ma è bene cominciare da subito un accostamento leale, fuori dall’anonimato. […]

A parte taluni acquisti o vendite all’asta di particolari oggetti sul portale eBay, solo per qualche mese ho interagito direttamente sul Web per mezzo di annunci privati che mi riguardavano personalmente. Mamma mia! Che esperienza! … “In agro-dolce con praline e panna!”

… E allora, il tempo per scrivere a me non manca, e perciò ti suggerisco di metterti bello “comoduccio” per leggermi, poiché adesso ti racconto le mie movimentate peripezie! Tanto per introdurre la genesi che mi ha condotto fino alla tua letterina di cui ricordo appena vagamente le garbate parole! ;-)

----------

Che ne sai, mon chéri! … All’inizio di questa “avventura”, e man mano che passavano i giorni, mi erano arrivate diverse e-mail di risposta da coloro che avevano letto la mia paginetta sul Web. E poi una baraonda di telefonate ed SMS, H24 no stop, con personaggi di ogni risma, fino ad esser costretta a cambiare numero telefonico! Ora basta: il mio TEL e Skype, solo a chi conosco dal vivo! Al netto di certe “proposte sexy-intriganti” che non ti dico, ho incontrato solo due uomini: uno della provincia di Genova e l’altro di Catanzaro. A prescindere dalla differenza di età, li avevo considerati interessanti comunque. Per incontrare il primo avevo viaggiato io fino alle porte di Genova, e l’altra volta, invece, ho ospitato il simpatico calabrese qui da me in campagna.

Ma andiamo per ordine. Con il primo ci eravamo incontrati sulla Riviera Ligure di Levante. Mi ero sistemata in un residence sul lungomare, e per motivi familiari non eravamo mai andati a casa sua. Nessun problema per me: rispetto assoluto della vita privata innanzitutto! L’inghippo fu quello di uno strano SMS “muto”, da lui ricevuto, che lo fece letteralmente catapultare via in 4 e 4 otto, e con qualche balbettio. Amen! Preferisco non commentare oltre, ma ci siamo capiti lo stesso! Rifeci la valigia, e via a casa anch’io. Un “viaggetto” di circa 2.000 km di autostrada tra andata e ritorno. Meno male che a me piace molto guidare (ho una fedele e confortevole “carrozza” blu a motore). Dicono di me che sono tenera: allora devono avere proprio ragione!?

----------

L’altro incontro – un paio di mesi dopo – era stato decisamente più spumeggiante. Avevo fatto tutti gli onori di casa, e trattato l’ospite della provincia di Catanzaro come un principino! Tutto bene, dal suo arrivo fino all’ultimo minuto della partenza. Soltanto il giorno dopo mi sono accorta che la sua presenza a casa mia non era passata inosservata! … Da queste parti, nel profondo Sud, la gente mormora. Eccome! Tutto il vicinato della contrada ammiccava con malcelata malizia, in riferimento alla visita dell’uomo forestiero. Dovetti così improvvisare una giustificazione plausibile, adducendo l’ospitalità di un mio parente romagnolo di passaggio prima di imbarcarsi dal vicino porto di Brindisi diretto in Grecia. Quando ricontattai il catanzarese al cellulare, e proposi che la volta successiva sarei andata io dal lui in Calabria, negò la sua disponibilità con bizzarri pretesti senza capo né coda. Fine. Che potevo fare? Sono rimasta senza parole e senza sonno per qualche tempo, a confabulare con me stessa, delle mie ingenuità! … Anche adesso non ti scrivo i dettagli che non coinvolgono ormai più neanche me stessa! Mi vergogno davvero a dirlo, ma di loro conoscevo soltanto i nomi di battesimo (chissà se erano poi veri!) ed i bei numeretti di telefonino. Cioè niente.

Non avrei avuto nulla da pretendere ovviamente, ma con un’identità chiara si sarebbero comportati ben diversamente. Per me non è affatto una questione economica o di tempo perso, ma di semplice principio etico-morale. Un uomo non deve avvantaggiarsi della sudditanza psicologica di una donna per il fatto di considerarla debole e sola. Una mia cara amica confidente mi ha esclamato che poteva andarmi anche peggio, e che devo considerare le due esperienze come un monito per il futuro. E va bene, per me ormai è più che acqua passata. “La vita va avanti!” & “The show must go on!” …

----------

Di altri personaggi, fissati della sexy-webcam, non ne parliamo neanche! … Ti dico invece un’altra curiosità, che riguarda anche Te. Cioè quel che avevo trovato, tornando dopo diverse settimane di assenza nella “povera” casella di posta elettronica collegata ai miei siti internet dei contatti online! Era diventata ormai un “porto di mare”: il bengodi virtuale dove arrivava di tutto e di più! … Un Luna Park?! … Mi ero limitata quindi ad annotare soltanto qualche e-mail che mi andava a genio – tra cui anche la Tua – e poi chiusi definitivamente “baracca e burattini”! Oltre ad eliminare l’account postale mi cancellai pure dai vari siti Web online. Game over! … Tagliata la testa al “ToPo”! [ahahah!] … Eccoti riferite le mie pettegole vicende che avevo accennato all’inizio. Beh, stavolta, sai che ho pensato? Se il destino ci è avverso, peggio per lui! [… uhuhuh!]

E allora! Piedi per terra, e veniamo al presente! … Metto in “freezer” ogni altro contatto, e mi dedico adesso soltanto a Te che per istinto mi avevi ispirato positività. Non rammento più le cose che mi avevi scritto, né il periodo di tempo. Ma per aver preso nota, con dedizione, della tua casella e-mail certamente un buon motivo ci sarà stato! … Solo il momento era quello sbagliato! … eheheh! … Dopo un bel po’ di tempo in stand-by, lontana dal Web, ho ritrovato di nuovo l’entusiasmo per tornare a scrivere. Tuttavia, come spesso ribadisco mentalmente a me stessa, non ho la pretesa di ottenere una consonanza immediata con chiunque decido di intraprendere una maggiore conoscenza. È pur vero che soltanto rimettendosi in gioco, uscendo dal “bozzolo” in cui siamo abituati a vivere, qualcosa può succedere! La mia filosofia, senza forzature, è questa: «Felici insieme, oppure sconosciuti come prima!» ;-)

Orbene! Sarò in partenza tra qualche giorno, e ho preferito non rinviare ulteriormente la mia già tardiva risposta per non smarrirti definitivamente! … Gulp! Mi son resa conto di non aver ancora scritto granché di me stessa! … Indulgenza, pardon! … Breve pausa e poi prometto … mi descrivo “giurin-giuretto!” … [e con la rima te l’ho detto] ;-)



IL MIO STATUS QUO … [mi lancioooo!]

Ti do il “Benvenuto nel mio Mondo”! … Voglio ora raccontarti qualcosa di me! … E mi riferisco al mio essere, non certo alla sembianza fisica che, tuttavia, sarebbe pur sempre una mera visione soggettiva. Comunque, visto che non avevo fatto pubblicare alcuna foto, poi te ne inoltro una, giusto per farti almeno una mezza idea orientativa. E allora, mettiti di nuovo “comoduccio” – come prima – e prova ad immaginare di stare qui con me in soggiorno, sul sofà! … La gradisci qualcosa da bere? :-) …

La mia terra d’origine è la Romagna, lì dove ho la gran parte dei miei familiari. Ma da qualche anno vivo in una casa di campagna tra la meravigliosa natura incontaminata della Valle d’Itria [tra le province di Taranto, Brindisi, Bari]. Poi ti spiego meglio il perché. Unica parente in zona è la mia più cara cugina.

Sono piuttosto timida dal vivo! [faccia a faccia … ihihih!] Mi è stato detto che è una forma di consapevole e fruttuosa introversione dell’individualità. Insomma, un fattore emozionale che mi obbliga ad interrogarmi mentalmente sulla complessità che sta dietro un nuovo interlocutore. Di conseguenza, sono portata alla riflessione, all'introspezione e alla fantasia, con una certa predilezione per i campi creativi. Mi consola un curioso fatto che ho trovato tempo fa in Internet, cioè che spesso un orientamento introverso si riscontra nella biografia di santi, scienziati, filosofi, scrittori, poeti e pittori! Non mi ritengo certo una santa io, ma come pittrice, quando una volta mi esprimevo con matite, pennelli e tavolozza ero “quotata” piuttosto bene, senza falsa modestia! … oh-oh-oh! … Alla scrittura, invece, specie nella tranquillità della campagna come in questo momento, penso di cavarmela benino! … E ce la voglio mettere tutta stavolta! … A me la tastiera, dunque!

----------

Qui c’è tanto spazio, ma sarò breve, quasi flash! [... ahahah!] Al di là delle descrizioni personali e dei nostri progetti di vita, che possono persino riempire un libro intero, ognuno di noi si fa un'idea dell'altra persona solo dialogando, guardandosi l’un l’altro. Penso che lo sguardo e la gestualità siano le componenti più indicative per ogni nuova conoscenza. Certo, con l'imperativo di un convenevole garbo e con il rispetto assoluto dell’altrui personalità! … La stima, l’intesa e l’attrazione fisica devono prescindere dallo “status” di chiunque. Che siano single, separati, divorziati, vedovi, e finanche pentiti coniugati infelici, non possono essere motivo di affrettate congetture. Nel mio caso – come avevo pubblicato – sono vedova, ed ho finalmente deciso di abbattere ogni diffidenza e pregiudizio per conoscere qualcuno in maniera insolita. Anche fuori dal mio entourage quotidiano – come in questo periodo – e non m’importa affatto la distanza geografica, il lato economico o l’estrazione sociale! Che sia essenzialmente un UOMO: Gentile, Assennato, Leale, Determinato, e Simpatico! Ma niente droghe! … Penso che l’anima valga più del corpo, e l’apparenza dell’abito alla moda sia meno intrigante del corpo che lo contiene! In tal senso, Francesco Papa fa riflettere.

----------

Ho appena fatto una pausa caffè - bis, affacciata alla finestra sullo sfondo verdeggiante della campagna mia bella, cosparsa di ancestrali trulletti, unici al mondo. Ed eccomi di nuovo da Te. Come ai tempi della scuola, torno a scrivere il compitino a casa: «La mia descrizione online». – Procedo, dunque.

Nome già detto: Elisabetta. Di mezza età che donna mai dichiara! Adesso sono in Puglia ma originaria di Riccione, detta anche «La Perla verde dell’Adriatico», dove ho anche “casetta” (in prossimità del famoso Viale Ceccarini … la movida romagnola!) e dove ritorno di quando in quando. Ho un doppio passaporto: uno italiano e l’altro francese (per via del mio amato ex marito francese). Era un funzionario del consolato francese a Genève (Ginevra) in Svizzera, e c’eravamo conosciuti l’estate del 2001 quando era venuto in vacanza soggiornando presso il nostro residence di famiglia che avevamo su in Riviera. Poi, col matrimonio, anch’io mi ero trasferita a Ginevra dove avevamo una bella casa. Un tragico incidente stradale, in una buia notte di sette anni fa, si è portato via il mio Uomo per sempre. Fu allora che decisi di lasciare la grande città svizzera (… ed in seguito anche di vender tutto) per trasferirmi da queste parti. Inizialmente a Taranto [dove ho ancora la residenza anagrafica] su invito e ospite in famiglia della mia cugina, e poi in una graziosa casetta di campagna tutta mia. Mi è stato consigliato dal mio psicoterapeuta di non rimuginare troppo quegli eventi, e di considerarli come un trapassato remoto. E come rimedio di supporto, anche la cancellazione da Facebook farcito di vecchi souvenir dei tempi lieti. Chiudo quindi subito il paragrafo! … Riprendo più tardi.



IL MIO IDENTIKIT … [in punta di matita … ohi-ahi-ohi!]

Continuo la mia “descrizione”! … Un attimo: devo pettinarmi! ... uhuhuh! … Sì, va bene: faccio una sorta d’identikit! [Wanted! / Ricercata!] … Alla mia (solo seconda) età dovrei ormai già conoscere bene, benissimo, tutti i miei pregi e anche certamente i miei difetti. Li so a memoria infatti ... Ovviamente, se escludessi questi ultimi dalla "Descrizione" di me stessa, per correttezza di cose, dovrei anche tacere sui primi. E perciò, così come non vorrei mai dire, per esempio, che sono quasi sempre sfiduciata dal mondo e dal sistema, qualche volta "acidella" con le mie care amiche, o normalmente distratta per mia incolpevole natura, parimenti non potrei ipocritamente soltanto attribuirmi banalità tipo: solare, affettuosa, socievole, dolce, ecc. Potrei essere così, infatti, solo quando sono tranquilla oppure in buona compagnia. [E lo confesso: mi manca un Uomo!]

Di sicuro sono una donna “insolita” e – a scanso di equivoci – piacente almeno per gli Amici e conoscenti. Mi ritengo equilibrata, accurata, volitiva. Gli altri dicono comprensiva, affidabile, protettiva e pure tenera (ma per la “tenera” io non sono poi tanto d’accordo!) … ahahah! … Dei “peccati", invece, come ne hanno e fanno tutti: sempre taciuti! Volpi, eh? … Ecco i gusti: – Libri gialli, di saggistica e della storia dell’arte. Amo la favolosa musica senza età dei Pink Floyd, degli onirici Coldplay, e del poetico Zucchero nazionale. Mi piace il gioco dilettante degli scacchi, e adoro la Nutella spalmata sul pane casereccio. I film d’autore non mi stancano mai. Il Grande Fratello, invece, ogni volta mi fa venir voglia di espatriare nella Gualdrappa Nord-Occidentale dell’emisfero sub-australe. Ma mi frena sempre la nostra cucina casalinga! … Senza parlare del ”reparto pasticceria”, dove da qualche tempo a questa parte ci sono delle cosette che mi provocano! E allora io, sai che faccio? Le distruggo! Altro che tenera! … eheheh!

----------

Riprendo a scrivere. Quando ero “più ragazza”, dopo il liceo classico a Riccione avevo conseguito la laurea in Lettere all’Università di Bologna. Tuttavia, e per una mia naturale inclinazione, mi ero data completamente alle «Arti Figurative». Sicché, per diletto, mi iscrissi all’Accademia di Belle Arti, ed in tre anni ottenni il Diploma Accademico di Primo Livello. Quello, però, non l’ho mai messo in cornice! … ihihih! Avevo una certa “verve” fino a quell’inverno [“inferno”] di sette anni fa – da non rievocare più – che creavo una notevole quantità di lavori: dipinti ad olio, acquerelli, pastelli, o con le matite mie predilette come da bambina. I miei estimatori più affezionati erano per la maggior parte in Francia, dove una delle mie cognate (francese) si prodigava per farmi conoscere sia da espositori che da acquirenti privati! … Altri tempi! … Solo da qualche mese ho ripreso a fare qualcosetta … più che altro ritratti dal vivo delle mie “amiche del cuore”, che mi fanno “tribolare” quanto si mettono in posa sghignazzando di gusto e facendo le linguacce! Ed io ricambio!

Per dare un senso alle mie spennellate sugli altri quadretti estemporanei, invece di farne regalo, ogni tanto mi diletto a incorniciarli, e faccio poi una visita repentina ad un centro di volontariato ONLUS che organizza aste di beneficenza per devolvere il ricavato ad una miglior sorte.

Sto meditando di andare in Francia prossimamente – come d’abitudine ogni anno in questo periodo – per far visita ai miei parenti acquisiti, e cercare anche di riprendere quegli accordi di collaborazione professionale, con alcuni espositori, interrotti drasticamente alcuni anni fa. Devo solo ritrovare un po’ di fiducia in me stessa e una qualche spinta esterna che mi incoraggi emotivamente per una nuova stagione di vitalità! …

----------

Ho fatto un’altra pausa, quella “ginnica” – con cappellino alla contadina – scegliendo una breve passeggiata in bicicletta su per la verdeggiante contrada, tra boschetti e vigneti, ciliegi e querce secolari. Un’oasi di tranquillità distante anni luce dal caos frenetico del “mondo iper-tecnologico”! …

A parte i figli che purtroppo non ho mai avuto prima, e chissà se ne avrò mai, non mi manca assolutamente nulla per il fabbisogno di tutti i giorni. Al di là degli iniziali risarcimenti ottenuti delle assicurazioni, percepisco una discreta pensione di reversibilità, che tuttavia non mi gratifica affatto di già a questa età, senza neanche averla maturata nel tempo e in prima persona. Come unica attività attuale – ma già da diversi anni – faccio parte del C.d.A. di una Società Per Azioni, operante nel settore immobiliare ricettivo (Residence / Resort) in quasi ogni regione d’Italia. Un ruolo decisionale, ma tutto sommato di mera rappresentanza in un organo collegiale, di natura saltuaria e che, seppur rimunerata, non posso considerare un lavoro vero e proprio! Ma mi consente – meno male – di viaggiare e divagarmi ogni tanto! …

Da un po’ di tempo sto meditando di uscire finalmente dal mio isolamento volontario, lontana da tutto il contesto spazio-temporale del passato. Basta con la clausura! Avevo fatto così pubblicare il mio “web - annuncio” con la finalità di conoscere una brava persona con cui poter pian piano ricominciare, qui o altrove, una nuova vita di coppia! >>> :-) (-: Ho già fatto qualche incontro, come ti avevo accennato, ma purtroppo (o meno male) sono di nuovo al “nastro” di ripartenza come nel gioco dell’oca! …[ihihih!] – La vita, come una nebulosa palude, è popolata da tanti evanescenti fantasmi e illuminata da pochi intensi bagliori! ... Non devo permettere che la fine di un amore rapito via dal destino ingrato possa relegarmi ad una vita grigia ed avara di felicità! … No. Prima o poi devo ritrovare, finalmente, il sorriso d’altri tempi.

Accipicchia! … Visto che mi trovavo a scrivere, mi son lasciata prendere la manina dalla tastiera! Ormai di me stessa ho detto quasi tutto! “Quasi!” [eheheh!] … È la prima volta che mi cimento a scrivere le mie cosine personali, eppure comincio a sentirmi a mio agio, anche se Tu ed io non ci siamo giammai visti prima. ;-))

Hai letto tutto quanto finora? Grazie, sei un “bijou”! … Ora s’è fatto tardi, chiudo il sipario! … [à demain!] …

# # # # # # # # #



DOPO LA SAGGIA NOTTE! … RIECCOMI A SCRIVERE ANCORA OGGI! [… uhuhuh!]

Ieri sera, invece di inviarti subito questa mail, l’ho riletta mentalmente a video, ho corretto qualche refuso qua e là, e quindi l’ho salvata tra le bozze di @gmail. Dopo cena ho visto un bel film in TV e poi ho meditato su quanto avevo digitato nell’intera giornata, mettendo in moto una serie di forti sensazioni emerse dagli eventi del passato, e che non avevo mai messo per iscritto prima d’ora! … Mi sono meravigliata di me stessa! … WoooW! … Un buon segno di apertura nei tuoi confronti! Vuol dire che sto maturando l’idea di incontraci … “per vedere da vicino l’effetto che fa”! (… ho parafrasato la famosa canzone di quel mattacchione di Jannacci! ;-))

Da sempre io sono per le cose pratiche e mai per quelle teoriche. Ebbene, dopo le vicissitudini che ti avevo accennato ieri, ho stabilito di essere molto più prudente nel conoscere un uomo a distanza, anche a tutela della mia stessa incolumità e dignità di donna. [cronaca nera docet] Finora ho avuto a che fare con gente anonima di ogni sorta, compresi taluni “angeli di luce” rivelatisi poi “progenie di vipere”: persone ipocrite, subdole e insolenti, simili ai sepolcri imbiancati e addobbati al di fuori, ma pieni d’ogni marciume e putrefatti dentro. Quindi, prima di ogni altra cosa, ho la tassativa esigenza di sapere chi è realmente il mio interlocutore con un riferimento certo, come tutti i “cristiani” di questo mondo. Non stiamo certo qui per giocare a “mosca cieca”, ma per una questione di cuore, e non solo.

----------

La notte mi ha portato certamente buon consiglio! Dopo le precedenti inenarrabili vicende, mi sono imposta delle regole ben precise. E le regole son fatte per essere rispettate! Adesso io sono categorica con me stessa ma – chiaramente – solo per stabilire da subito la base solida di un reciproco rispetto. Vorrei vedere i fatti prima ancora di un qualsivoglia scambio telefonico, dove finora ho sentito di tutto ma poi, nella realtà, ho visto il meno del meno! … Giammai più un rapporto iniziale “al buio telefonico”, o con le ingannevoli e mistificate diavolerie del Web, compresi “FB”, “Skype” e l’ultimo “WhatsApp” (che non ho neanche). Giuro, mai +! Inoltrare e-mail a donne sulle pagine di un sito di incontri è semplicissimo, certo, ma spesso gli uomini non pensano che nella realtà dei fatti bisogna poi uscire dall’anonimato! Non è questione di sapere se la persona esita o meno (l’esistenza è + che ovvia), ma di avere la cognizione di CHI essa sia e dove sta di casa! …



OK! … PAUSA DRINK! … INNAFFIO ANCHE LE PIANTE IN VERANDA E TORNO! ;-)

Niente paura, sono ancora sobria! ... O quasi! [tu-tùùù!!!] … uhm, ehm! … Dicevo? … Sì, sì! … Prima di andare a letto, ieri sera, mi è venuta una magnifica idea e che adesso ti riferisco! Se vogliamo intraprendere una prima conoscenza finalizzata ad un eventuale prosieguo, ognuno di noi due deve fare la sua parte.

Ebbene, per esser sicura di contattare un Uomo dai dati anagrafici certi, e non più un vago, anonimo, approssimativo Tizio, Caio o Sempronio – come in passato – ecco la facile cosetta da fare. Una classica lettera Raccomandata A/R, con il mio indirizzo mittente che spedisce e il tuo recapito destinatario che riceve. La “cartolina di ritorno” certificherà così l’identità di entrambi, alla stessa fonte, e senza alcun’ombra di dubbio.

Dalla teoria alla pratica. Tu mi indichi il tuo indirizzo (casa o lavoro), ed io mi procuro una busta postale adeguata. Dovendo pur mettere qualcosa all’interno, invece dei soliti “Saluti & Baci” in bella grafia su bianco foglietto, voglia Tu gradire una bella sorpresa fatta con le mie stesse mani. Un grazioso lavoro artistico – magari un disegno su cartoncino – che sceglierò tra quelli non ancora incorniciati, oppure un Tuo ritratto se mi invii la foto del viso in primo piano. > (°£°] Oh! … Mica bruscolini! Un’anteprima essenza di me stessa, e pure autografa!

Se nella prossima e-mail Tu non dovessi indicarmi il tuo reale nominativo + indirizzo completo, avresti le Tue motivazioni indiscutibili e niente da giustificare, beninteso! Ma per certo io farei le mie ovvie deduzioni di oggettiva «incompatibilità»! [Niente di personale] Così come non prenderei in considerazione alcuna alternativa, o il rimando del’indirizzo in un’altra data successiva! Per me sarebbe da subito un capitolo definitivamente chiuso.

In tal caso, ti ringrazio ugualmente per l’iniziale interessamento, e ti saluto con garbo sin d’ora con l’augurio di ogni bene per il futuro! … Entrambi dovremmo ritenerci sconosciuti come prima, e senz’altro liberissimi di poter contattare e incontrare altre persone, sul Web o altrove!

----------

Ho ponderato meglio. Penso che non sarebbe giusto far tutto quanto da sola! E pertanto, se non hai nulla in contrario – e farti sentire partecipe e gratificato – disporrei che la sola tariffa della spedizione sia a carico del destinatario. Ho visto sul Web: dipende dal peso della busta, dal tipo di vettore e dal tempo di consegna [all’incirca 15/30E]. Almeno all’inizio, un ruolo attivo e disinteressato per entrambi: io offro un mio lavoro, e Tu la tassa postale. Un amabile gesto di bon ton, e che saprò ben ricambiare quanto prima! Soluzione semplice, sicura e funzionale. Tranquilla io e, immagino, felice e contento anche Tu. Niente di più, niente di meno!

Tutta la giornata di ieri e parte di oggi l’ho dedicata a Te con piacere! Ti ho esposto un’opportunità più che ragionevole, ed ora mi aspetto la “Tua prova concreta” di volermi davvero frequentare con la dovuta lealtà! Or dunque, se dovesse andare tutto per il meglio – come voglio augurarmi – appena mi sarà recapitata la cartolina di ritorno, potremo scambiarci il numero di telefono o qualche altro contatto diretto. E per un eventuale incontro, come prima volta, lascerei a Te la facoltà di scelta: [A] potrei ospitarti qui da me; [B] viaggerei io dalle tue parti. Considera che, al bisogno, ho facoltà di utilizzare soggiorni in Residence (gratis) quasi ovunque in Italia. Chissà, un bel tour insieme? Se la cosa ingrana, poi si vedrà! […]



RIVEDIAMO INSIEME I PROSSIMI PASSETTI? [piano-piano, buoni-buoni, senza correre!]

– Non ti conosco affatto, e penso quindi di passarti la tastiera. Scrivimi ancora e parlami di Te, della tua zona, dei tuoi propositi, e anche di quel che più ti passa per la testa! [uhuhuh!] Ti leggerò di buon grado.

– Tu mi comunichi il TUO NOMINATIVO + INDIRIZZO PRECISO [di casa oppure del lavoro].

– Affido la spedizione al compagno della mia cuginetta (+ capace) che ogni giorno va in città per lavoro.

– Ricevi dal postino la Racc/AR e provvedi alla tariffa a carico destinatario. [o trovi l’avviso di giacenza]

– Dopo qualche giorno, io ricevo la “notifica” dell’avvenuta ricezione, e riprendiamo i contatti sospesi! …

----------

ULTIMA NOTA! [giuro!] … Ho scritto tanto, lo so bene, per completezza di cose e anche per fare i famosi “Patti Chiari”.

Per adesso: > NO Telefono > NO Skype/cam > NO Facebook > NO WhatsApp.

Inizialmente, ti chiedo solo l’attuale INDIRIZZO ABITATIVO. Cerco un normale Compagno di vita, certo, ma giammai ancora un vago e ignoto personaggio “senza numero di casa”. L’importante per me, prima d’ogni altro passo, è sapere il contesto di chi ho a che fare, alla luce del sole. Di questi tempi, immagino, anche Tu consiglieresti la stessa cosa ad una persona cara! La mia regola d’oro, adesso, è: “Niente vanesie parole ma solo concreti fatti”. Senza «SE» e senza «MA»! Tutto il resto è vanità. [fa quasi rima! … ahahah!]

Non avendo la sfera di cristallo divinatoria, ho creduto sia meglio spendere qualche paginetta in più adesso che perdere tanto tempo invano in seguito! Se non sei il tipo di persona che io pensavo (e viceversa), non cascherà il mondo: compatiamoci a vicenda, e chiudiamo un occhio-lino! ;-) … [ihihih!]

OK! Come ti avevo accennato, io sono in partenza, e mi auguro di trovare tue buone notizie al mio ritorno a casa. Senza promesse e giuramenti, col solo impegno di un leale e costruttivo dialogo.[+!] Tuttavia, in mancanza di un tuo indirizzo postale è del tutto inutile contattarmi di nuovo poiché, per certo, NON ci sarà alcun seguito da parte mia! – Uomo AVVISATO, 1-0-0 % C-E-S-T-I-N-A-T-O, e ad occhi chiusi! [X] Credimi! Ma farei la medesima cosa, assolutamente, anche per chi sostenesse di essere il «Maximo Supremo Imperator d’Europa» in persona! <|§:-))

----------

Bon! … Adesso rivedo tutto quanto e faccio finalmente il “sospirato” click d’invio! …

Ti allego anche uno scorcio della mia dimora: «La zona relax del trulletto» [estate 2012]

Oh! Bene-bene! … Approvo tutto, e lo dipingo di blu! … CIAOOO! [+!!!]

Fiduciosa d’una buona intesa …

In attesa del Tuo recapito postale …

Aggiungo un bacetto sul nasetto > (°L°)

Felicità! … Ciri-biri-bin … Super-clickk!

La tua Amichetta-Elisabetta (*-*)